MAILING LIST area riservata
Iscriviti

Language:[ IT ]    

 
Booking.com
scheda socio >> Back <<
Villa di Maser
Musei e Ville /

Via Cornuda, 7
31010 - Maser
Tel: +39 0423 923004
Tel2:
fax: +39 0423 923002
E-mail: info@villadimaser.it
www.villadimaser.it

distanze in linea d'aria dai principali centri:

Treviso 27.8 KM
Asolo 7.3 KM
Castelfranco Veneto 13.7 KM
Conegliano Veneto 32.4 KM
Montebelluna 7.8 KM
Oderzo 48.3 KM
Vittorio Veneto 31.7 KM
Venezia 46.7 KM
richiesta



servizi
  • attività o programmi speciali per scolaresche
  • cantina interna con produzione propria
  • degustazione vini
  • sperimentazione per gli ospiti di raccolta o preparazione prodotti fatti in casa


  • descrizione

    Ai piedi delle colline di Asolo, in splendida posizione paesistica, è custodito il più famoso tra i tesori artistici del territorio trevigiano: un esemplare paradigmatico di quelle ville venete che ancora numerose punteggiano gli antichi domini di Venezia.

    La firma è quella del grande architetto Andrea Palladio, a cui i fratelli Marcantonio e Daniele Barbaro, esponenti di primo piano del patriziato veneziano, affidarono negli anni Cinquanta del Cinquecento il progetto per la loro residenza di campagna.

    Anche qui a Maser, l`architetto adegua genialmente il suo progetto al contesto paesaggistico. Lo sviluppo assiale di residenza e barchesse risulta compatto e proporzionato; e il profilo dell`architettura, grazie anche alle linee curve che raccordano le torri colombare, richiama armonicamente il ritmo ondulato delle retrostanti colline.

    Il corpo centrale, destinato a residenza padronale, viene nobilitato da una facciata ispirata alla fronte di un edificio classico, soluzione programmaticamente riproposta nei progetti palladiani. L`architrave e il frontone sono tuttavia manieristicamente interrotti da un`esuberante decorazione plastica in stucco, che inquadra e esalta lo stemma della famiglia Barbaro.

    Il giardino, un tempo ricco di aiuole e fontane, digrada verso la strada, oltre la quale un`ampia esedra immette nella vasta campagna. Dietro il corpo padronale, un`altra esedra di piccole dimensioni delimita il ninfeo, prezioso giardino segreto riccamente ornato di statue e stucchi di Alessandro Vittoria, che ingloba una fonte di acqua sorgiva.

    L`oratorio padronale - il celebre Tempietto ispirato al Pantheon - affacciato come d`uso sulla strada, presenta dimensioni insolite per una villa, a ribadire il ruolo sociale dei nobili proprietari terrieri.

    Ma Villa Barbaro non offre soltanto l`eccezionale qualità della sua architettura. All`interno si apre infatti al visitatore l`incanto della sua decorazione pittorica, capolavoro di Paolo Veronese, che qui raggiunge esiti altissimi di fantasia creativa e di stile, in un trionfo di colori splendenti e luminosi. A Maser, il grande pittore perfeziona qui lo schema decorativo che diverrà tipico delle ville venete: una complessa intelaiatura architettonica dipinta, illusionisticamente aperta su spazi interni ed esterni, nei quali vengono ambientate scene a soggetto mitologico, intervallate da figurazioni realistiche, in un gioco continuo di rimandi dallo spazio simbolico della pittura a quello reale della villa e del paesaggio asolano.

    Eseguiti negli anni Sessanta, gli affreschi del Veronese concludevano lo straordinario lavoro collettivo della villa di Maser, armonizzandosi perfettamente con il concetto di architettura aperta al paesaggio, tipico del Palladio, con l`esuberanza della decorazione plastica del Vittoria, con il colto intellettualismo e le esigenze di rappresentatività e di sfarzo dei due nobili committenti.

    COLLEZIONE DI CARROZZE
    Una trentina di veicoli compongono la collezione di carrozze raccolta da Enrico Luling Buschetti in una casa colonica immersa nel verde dei vigneti che circondano la villa. Accanto a quelli utilizzati nella vita di tutti i giorni della villa, vi sono mezzi di gran diffusione nei tempi passati come il Mail Coach, o diligenza postale, il taxi cittadino Brougham detto Brùm in milanese, le vetture da caccia Hunting Break, le Americaine usate nelle grandi pianure degli Stati Uniti, la Timonella, la Domatrice.

    CANTINA STORICA
    Dai vigneti pieni di sole che la circondano provengono le uve lavorate nella Cantina Storica della Villa di Maser. L`attività risale al `500 quando Palladio situò "i luoghi per fare i vini" sotto le barchesse della villa. Verso la metà dell`800 l`allora proprietario Sante Giacomelli volle ampliare la produzione e costruì l`attuale edificio. La cantina è rinomata per il suo rosso Cabernet Doc, per il particolare Chardonnay Doc bianco elevato in botti di rovere e per il tradizionale Prosecco Doc tranquillo.

    1 VILLA_MASER.pdf

    google map




    Cerca per distanza:
    Comune:
    Distanza km:
    Categorie