MAILING LIST area riservata
Iscriviti

Language:[ IT ]    

 
Booking.com
Offerte pacchetti vacanza
VISITA la Marca Trevigiana  >>  Back <<



TURISMO: IL VENETO CRESCE TRA GENNAIO E AGOSTO 2016

TURISMO: IL VENETO CRESCE TRA GENNAIO E AGOSTO 2016. CANER, ''CAPACI DI ESSERE ATTRATTIVI ANCHE IN UNA CONGIUNTURA CONTRARIA. PIU` FORTI DI CRISI, PAURE, MALTEMPO E STATUTI SPECIALI CONFINANTI''.

 

(AVN) Venezia, 9 settembre 2016

 

Nel periodo 1 gennaio-31 agosto 2016 il turismo veneto ha fatto registrare significativi successi: più 1,3% degli arrivi (10 milioni 828 mila), più 2,6% delle presenze (38 milioni 609 mila) rispetto allo stesso periodo del 2015.

I dati, stimati ma molto attendibili, sono stati elaborati dal Sistema Statistico Regionale e sono stati diffusi oggi dall`Assessore al Turismo Federico Caner in occasione di un incontro con gli albergatori.

''I vacanzieri amano sempre di più il Veneto %u2013 commenta un Caner particolarmente soddisfatto %u2013 e la nostra offerta anche in questi otto mesi si è dimostrata attrattiva e capace di contrastare un quadro generale negativo, con la crisi economica che morde, con il terrorismo che può aver spinto più di qualcuno a non viaggiare, con le bizze del tempo a maggio e giugno, che hanno fortemente penalizzato il settore balneare, capace peraltro di uno straordinario recupero a luglio e agosto. Mi piace segnalare %u2013 aggiunge l`Assessore %u2013 la nuova crescita della montagna, alla quale abbiamo dedicato una particolare attenzione promozionale, anche con Buy Veneto. Gli sforzi di rilancio che abbiamo messo in campo stanno facendo vedere i loro effetti. L`offerta veneta continua a piacere %u2013 fa notare Caner %u2013 per le sue caratteristiche peculiari: la varietà con mare, montagna, laghi, terme, città d`arte nel raggio di 200 chilometri; l`abbinamento sempre più forte con enogastronomia, storia, arte, qualità paesaggistiche; la qualità della ricettività e la professionalità degli operatori, alle prese con un fisco e una burocrazia asfissianti che tolgono risorse agli investimenti, e con l`impari contesa con tante aree turistiche concorrenti in territori baciati dagli Statuti Speciali''.

Complessivamente gli aumenti riguardano tutti i settori, ad esclusione del balneare che ha pagato con pesanti cali il maltempo di maggio e giugno, peraltro recuperati fino a un sostanziale pareggio (meno 0,2% di presenze) e sia gli italiani che gli stranieri.

Gli italiani fanno infatti segnare più 1,9% di arrivi e più 0,8% di presenze, denotando una tendenza ad accorciare il periodo di vacanza; tendenza inversa per gli stranieri, che fanno meglio, con più 1% di arrivi, ma un significativo più 3,3% di presenze. I tedeschi continuano ad essere i più affezionati al Veneto e fanno segnare aumenti notevoli sia negli arrivi (più 3,6%), sia nelle presenze (più 4,3%).

Tra i diversi settori, spicca il salto in avanti della montagna, che, dopo il più 10% dell`anno scorso, segna una nuova crescita per certi versi sorprendente (arrivi più 8,5%, presenze più 6,4%; molto bene anche le terme (arrivi più 5,6%, presenze più 4,6%); vistosi segni positivi per il lago (arrivi più 2,7%, presenze addirittura più 5,8%); bene le città d`arte (arrivi più 1,7%, presenze più 3,2%; come si è detto, il mare ha sofferto pesantemente il maltempo di maggio e giugno, ma contiene le perdite ad un 2,2% negli arrivi e a uno 0,2% nelle presenze.

Tutte con il segno più anche le tipologie ricettive. Per le presenze il dato migliore è per gli hotel a 3 stelle (più 4,3%), seguiti da quelli a 2 stelle (più 3,7%), dai 4 stelle (più 2,9%), dai 5 stelle (più 1,9%), e da campeggi e villaggi turistici (più 1,1%).

''Anche quest`anno %u2013 conclude Caner %u2013 il turismo veneto sta vincendo la sempre più difficile competizione sul mercato globale, ma nessun successo deve essere considerato l`ultimo, bensì una base incoraggiante per il lavoro finalizzato a raggiungere nuovi traguardi. La Regione, nonostante i tagli piovuti da Roma su tutti i settori, turismo compreso, c`è. Abbiamo fatto e faremo ancora la nostra parte con tutte le energie e le risorse disponibili. Il turismo costituisce la prima economia del Veneto e come tale è stato e sarà seguito dalla Regione''.


Links
Pdf

aderenti


Cerca per distanza:
Comune:
Distanza km:
Categorie